Cerca in Tutto Donna

giovedì 10 agosto 2017

Promozioni per gli sposi alla fiera "SposArti in Brianza" 22 ottobre 2017 a Villa Walter Fontana


Domenica 22 ottobre 2017 dalle ore 10:00 alle 18:30 per la prima volta Villa Walter Fontana di Capriano di Briosco ospiterà la fiera "SposArti in Brianza" organizzata da Sposimmagine. Circondata da un parco secolare in posizione dominante nel cuore della Brianza, la villa è molto richiesta e apprezzata dalle coppie di sposi per il perfetto connubio di eleganza e modernità, tra suggestive opere d'arte contemporanea di inestimabile valore e  soluzioni di comfort all'avanguardia. La fiera si ispirerà al concept della villa, cioè rivisitare la tradizione in chiave contemporanea valorizzando la creatività e l'eccellenza dell'artigianato made in Italy. Domenica 22 ottobre un selezionato gruppo di professionisti locali del settore presenteranno le loro personali interpretazioni di tutte le ultime tendenze nel wedding, ma anche soluzioni tecniche, logistiche e social all'avanguardia per coinvolgere e deliziare i vostri ospiti. Proposte su misura per le esigenze di tutte le coppie, tradizionali e non. In fiera verranno proposti anche speciali pacchetti per le cerimonie civili all'americana, uno dei punti di forza della villa. I futuri sposi troveranno: abiti da sposa, sposo e cerimonia, fedi, addobbi floreali, bomboniere e partecipazioni, cake design, fotografi, video con droni, musicisti, viaggi di nozze e liste nozze online, wedding planner e tanto altro! Ingresso gratuito, presentando l'invito scaricabile dal sito di Sposimmagine si avrà diritto a speciali sconti, promozioni o omaggi riservati esclusivamente ai visitatori in fiera. In programma prove gratuite di trucco e acconciatura per la sposa, degustazione confetti e aperitivi.

vente-privee: a 70 anni dalla sua nascita, la gonna a corolla rimane una delle tendenze più glam

vente-privee delinea i look più amati dalle clienti italiane


Compie 70 anni il New Look di Christian Dior e si conferma fonte di ispirazione inesauribile per gli stilisti di tutto il mondo: uno stile sempre attuale che grazie alla semplicità delle sue forme riesce ad esaltare la femminilità di donne di ogni tempo.
E', infatti, il 1947 quando lo stilista raduna la stampa nei salotti del numero 30 di Avenue Montaigne a Parigi per presentare la sua nuova collezione, una svolta creativa che cambierà per sempre il modo di fare e pensare la moda: sfilano silhouette dalle linee inedite per l'epoca con spalle arrotondate, linee fluide e allungate e la gonna diventa una corolla sopra il vitino di vespa.
Da allora il fascino della gonna "a ruota" è rimasto intatto e il suo riaffaciarsi tra le proposte degli stilisti è stato accolto con entusiasmo da tutte le appassionate di moda sia per la sua femminilità intrinseca sia per la tentazione di far girare la gonna, ruotando su se stesse, proprio come si faceva da bambine. 
Con il suo french allure, questo capo si conferma il simbolo del New Look, facendoci riassaporare lo stile pensato da Dior per slanciare la silhouette e per valorizzare chi la indossa.
Attento ai desideri delle sue socie, vente-privee, pioniere e leader delle vendite evento online, propone ogni giorno selezioni diverse dei migliori marchi di moda, così che le sue e-shopper possano sempre trovare il capo esclusivo dei loro sogni ad un prezzo d'occasione…gonne a corolla comprese!

GONNA A COROLLA: UNA MISE PER TUTTI I GUSTI
Sfiziose e sbarazzine, poco importa che siano a fiori, a tinta unita, di jeans, di seta o di pelle: l'importante è che siano ampie e voluminose. 
Perfette per donare un tocco di femminilità vecchio stampo, le gonne a corolla si confermano must have anche per la prossima stagione.
Da indossare in ogni momento della giornata e adatte a qualsiasi tipo di silhouette, queste gonne non possono davvero mancare nel guardaroba. 
È, infatti, un capo molto amato tra le clienti di vente-privee che hanno svelato alcune dritte per abbinamenti sempre "à la mode".
I modelli, rigorosamente a vita alta e stretta, sono solitamente di lunghezza midi, appena sotto le ginocchia, da abbinare secondo il 63% delle socie vente-privee, sia a scarpe basse sia ad un paio di tacchi, per un look adatto da mattina a sera. 
Il 20% preferisce, invece, la lunghezza mini, in voga soprattutto tra le giovanissime, per lo stile divertente e sbarazzino, da indossare con sandali rasoterra per un'occasione più formale o con sneakers per un look urbano e più grintoso. 
Il 17% indossa la versione maxi che arriva al polpaccio, e in alcuni casi addirittura alla caviglia, in accostamento a scarpe rigorosamente basse per evitare uno spiacevole effetto contrasto.
UNA GONNA PER TANTI LOOK
Senz'altro un capo molto comodo, soprattutto per la facilità negli abbinamenti che lo rende sempre appropriato, anche in occasioni molto diverse tra loro. 
Ad esempio, per affrontare una giornata lavorativa, la maggioranza delle clienti sceglie il modello midi, indossato con una semplice camicia di seta (41%), per una serata tra amici la scelta ricade invece su t-shirt, camicie di jeans e top corti giocando sulle sovrapposizioni e i colori (39%), mentre per andare ad una cerimonia i modelli in pizzo o tulle sono i preferiti, abbinati ad una maglia preziosa o un top (20%).
Da emblema del bon ton, con il giusto assortimento di accessori, le gonne a ruota possono anche diventare rock: giacca di pelle stile biker con tacchi alti e il risultato è garantito!
Insomma, tutto vale in questo gioco di accostamenti! C'è solo una regola da rispettare:  evitare assolutamente i capi lunghi ed ampi, che nascondono il punto vita facendo apparire il busto corto e tozzo.

EMBLEMA DI VERSATILITÀ
Le gonne si vestono di stampe: tra le più glamour ci sono quelle floreali o con motivi geometrici (scelte dal 38% delle e-shopper), mentre per chi punta ad un look divertente l'ideale sono senz'altro le multirighe colorate o le bars a due colori (12%), ma chi ama la semplicità in ogni occasione predilige la tinta unita (50%), spaziando tra un'ampia palette cromatica che va dai colori intensi alle sfumature pastello… in vero stile Grease! Il colore, infatti, è la chiave di questo nuovo trend.
La gonna a corolla è pura praticità couture, dal sapore un po' retrò, ma sempre elegantissima, rendendo ogni mise particolare e ricercata. 
Per tutti coloro che sono alla ricerca di una gonna a corolla da sfoggiare nella prossima stagione, vente-privee rende accessibili i migliori marchi, offrendo una e-shopping experience di estrema qualità e convenienza…acquistare per credere!

► vente-privee.com
Pioniere delle vendite-evento online e leader mondiale del settore, vente-privee.com è dal 2001 specialista nel destoccaggio di grandi marche con 50 milioni di soci nel mondo. Le vendite hanno una durata limitata che va da 3 a 5 giorni e sono organizzate in stretta collaborazione con più di 6.000 grandi marche internazionali in tutti i settori merceologici: abbigliamento, accessori, oggettistica per la casa, articoli sportivi, high-tech, vino e gastronomia… La collaborazione privilegiata con le marche permette di proporre prezzi estremamente vantaggiosi. Nel 2015 vente-privee.com ha acquisito una quota di maggioranza della belga vente-exclusive.com, seguita, nel 2016, dall'acquisizione della spagnola Privalia, della svizzera e-boutic.ch, della danese Designers & Friends e del sito polacco Złotewyprzedaże.pl. Grazie a queste acquisizioni, il Gruppo è presente in 14 Paesi (Francia, Italia, Spagna, Germania, UK, Austria, Benelux, Svizzera, Danimarca,Polonia, Brasile e Messico). Con oltre 4.000 dipendenti nel mondo, vente-privee.com ha realizzato nel 2015 un fatturato di 2 miliardi di euro. 

Moda, bellezza e arte sul red carpet di Top Fashion Model 2017

   

È tutto pronto per la III edizione dell'evento internazionale Top Fashion Model, il master professionale per la moda che individua e valorizza i nuovi talenti del fashion e promuove la sinergia tra i professionisti del settore, in programma il 15, 16 e 17 agosto a Giovinazzo (in provincia di Bari).

L'evento, ideato e organizzato dalla pugliese Carmen Martorana sotto la direzione artistica di Roberto Guarducci, stilista per oltre un ventennio nella maison Fendi e attualmente docente universitario, è realizzato in collaborazione con il Comune e la Confartigianato di Giovinazzo, la Città Metropolitana di Bari e l'Accademia di Belle Arti di Bari.

Si comincia martedì 15 agosto alle 21 nell'incantevole porto turistico della cittadina pugliese con la passerella delle giovani modelle - provenienti da tutta Italia - che indosseranno i capolavori della mini capsule Primavera/Estate 2018 "Love to Love" firmata Gai Mattiolo - una collezione originale e all'avanguardia dai colori caldi e vivaci per un look urbano sempre giovane ed elegante -. 

Lo stilista Giulio Lovero dell'Atelier Miss and Lady proporrà alta cerimonia e sposa per esaltare la bellezza di ogni tipo di donna. 

Ospite della serata sarà Emanuele Tartanone, attore comico della esilarante serie televisiva "Mudù".

Seguirà mercoledì 16 agosto sempre alle 21 nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele di Giovinazzo, una speciale passerella d'alta moda in cui le talentuose aspiranti Top Fashion Model 2017 sfileranno a ridosso della imponente Fontana dei Tritoni.

La kermesse vedrà le giovani modelle indossare gli abiti raffinati di Roberto Guarducci, che si ispirano alla donna estremamente femminile e sofisticata; 
le creazioni in carta ed ecopelle realizzati con l'arte dell'origami da Dimitar Dradi, giovane fashion designer di origine bulgara; i vestiti di Maria Pia Eramo che si caratterizzano per le chiare sfumature e le decorazioni realizzate con pizzo gioiello e organza di seta; 
gli abiti della collection "Nuances Boreales" di Arianna Laterza, realizzati con tessuti leggeri e delicati come voile di seta cangiante e pizzi preziosi, che evocano la spettacolarità dei colori dell'aurora boreale; 
l'esclusivo e raffinato trikini Guarducci in abbinamento agli occhiali di Ottica Eos; e i gioielli scultura di Maria Milici - gioielli barocchi o etnici con inserti di nero e di oro ma anche colorati con toni di verde e topazio o candidi di perle che raccontano, le suggestioni di luoghi e culture diverse -.

Una commissione tecnica altamente qualificata assegnerà i titoli istituzionali del fashion award: Top Fashion Model 2017Eleganza e Bellezza. Le tre vincitrici si aggiudicheranno una crociera nell'ambito del format moda ideato dalla Carmen Martorana Eventi "TOP Fashion Cruise" su Costa Crociere e in collaborazione con Coral Reef, e contratti di lavoro con i Partner. 

Alla vincitrice assoluta sarà riconosciuta una borsa di studio del valore di 500 euro.

Sarà anche assegnato il premio Top Fashion Award, che ha come simbolo la Fontana dei Tritoni, al giovane stilista emergente Dimitar Dradi - apparso su Vogue Talents, il nuovo progetto che ricerca giovani talenti della moda lanciato dalla prestigiosa e autorevole rivista di settore Vogue - per la sua interpretazione della moda come forma d'arte e incessante ricerca di stupore costante. 

Nella scorsa edizione il premio è stato conferito alla pugliese Mariella Milani, giornalista storica del Tg2 per il suo costante impegno nel promuovere la moda italiana.

Ad arricchire la kermesse di Top Fashion Model sarà la strabiliante voce di Deva, le esibizioni di ballo della Dance Team di Giovinazzo e la fisarmonica del Maestro Mimmo Cavallo.

L'evento di moda si concluderà giovedì 17 agosto con shooting fotografici nel borgo antico di Giovinazzo.

«La bellezza della moda e dell'arte - dichiara Tommaso Depalma, sindaco di Giovinazzo - si sommeranno alla bellezza della città di Giovinazzo. Un mix perfetto, sapientemente coniugato da Carmen Martorana e dal suo staff impeccabile. Saranno tre giorni di beatitudine per occhi e cuori di chi ha il piacere di apprezzare il talento e il gusto di noi italiani che su questo segmento siamo inarrivabili.»

Make up e hair style saranno a cura de "Il Giornale del Parrucchiere" di Gioele de Liso che incanterà il pubblico con show live eseguiti da eccellenze del settore provenienti da tutta Europa.

Servizio foto-video a cura di Art Photography e Luigi D'Arcangelo.

La Carmen Martorana Eventi ringrazia tutti i partner per aver sostenuto e reso possibile l'iniziativa Top Fashion Model 2017.

L'ingresso alle sfilate è gratuito. 

Sito Internet:  www.topfashionmodel.it

Pagina Facebook ufficiale dell'evento: TopFashionModel


giovedì 3 agosto 2017

Dal chirurgo plastico per diventare come Chiara Ferragni & Co.

"Non più solo attori e cantanti: oggi le pazienti mostrano le foto di blogger e influencer a cui vorrebbero assomigliare nell'aspetto fisico e nello stile di vita" dice Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico socio della FIME    



Se negli Stati Uniti l'ultimo trend in fatto di chirurgia plastica è il Melania Makeover, ossia una serie di interventi per assomigliare alla moglie del presidente Trump, in Italia sono fashion blogger e influencer ad essere indicate sempre più frequentemente dalle pazienti come modelli a cui ispirarsi. 

"Le più gettonate sono Chiara Ferragni e Chiara Biasi: le pazienti portano le loro foto, o quelle di altre influencer, durante la visita per usarle come riferimento a cui ispirarsi per gli interventi di medicina e chirurgia" afferma Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico del surgery network ChirurgiadellaBellezza, che lavora a Lecce, Salerno, Napoli, Roma, Milano e Verona ed è socio della FIME (Federazione Italiana Medici Estetici).  

A piacere è soprattutto lo stile di vita delle blogger, a cui molte pazienti ambiscono: "Si tratta di belle ragazze, ma non irraggiungibili come le star del cinema – dice Bove -. Hanno una vita da sogno: viaggiano, frequentano alberghi di lusso, sono protagoniste di set fotografici, partecipano a eventi esclusivi di moda, cinema e televisione. Per questo sono imitate, non solo nel modo di vestire, ma anche nell'aspetto fisico".  

L'effetto social network nel mondo della chirurgia plastica non porta solo nuovi modelli fisici di riferimento, ma anche una crescente attenzione verso l'immagine: "Una volta ci si guardava allo specchio la mattina prima di uscire e, se capitava, qualche volta durante il giorno – rileva Bove -. Oggi, con i social, le persone si confrontano con il proprio aspetto a ogni ora, da angolature diverse e in situazioni sociali differenti rendendosi conto di come appaiono al resto del mondo".  

Capita così di accorgersi di particolari a cui non si era mai fatto caso: "Fino a qualche anno fa ero io che mostravo ai pazienti le differenze che, inevitabilmente, ci sono tra la parte destra e sinistra del viso e del corpo, oggi sono i pazienti a mostrarmi le asimmetrie" spiega il dottor Bove.  Il fenomeno interessa soprattutto le quarantenni, "sempre più contagiate dalla passione per i selfie, con cui si rendono conto di difetti o di quanto migliorano con i filtri fotografici che eliminano occhiaie, rughe e migliorano la pelle". 

E anche se non sempre si può sapere quanto il desiderio di apparire più belli nei social sia un fattore determinante nella decisione di sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica, "è indubbio che, in sempre più occasioni, ci sia un collegamento" puntualizza Bove.  

Gli interventi "top" per il viso sono botulino, filler, trattamenti per la pelle e ritocco alle labbra. Chirurgicamente, si interviene spesso sul naso: "Molti pazienti scelgono la rinoplastica in quanto insoddisfatti dell'immagine sui social. Oggi poi con la smartrinoplastica, un metodo messo a punto dal surgery network ChirurgiadellaBellezza, il post operatorio è indolore, dopo soli 4 giorni si tolgono le medicazioni e non si usano più i tanto odiati tamponi" aggiunge. In crescita anche le richieste per togliere la bolla di bichat, rendendo così il viso più sfinato, mentre una novità riguarda il doppio mento: "Fino a pochi mesi fa, l'unica soluzione per ridefinire i contorni del viso era chirurgica. Da maggio invece anche in Italia è stata introdotta Kybella, che con una punturina consente di sciogliere il grasso in eccesso. C'è da scommettere che sarà uno degli interventi più in crescita nel prossimo futuro" predice il dottor Bove.  

Per il corpo, il ritocco al seno è il più gettonato: "E' sempre più apprezzata la smartmastoplastica, metodo di di ChirurgiadellaBellezza che consente di aumentare il seno con tempi di recupero ridotti e ottimi risultati. Il vero boom c'è stato pero sui glutei: sono cresciuti anche gli interventi per migliorare i "belfie", in particolare liposcultura e lipofilling o filler ai glutei. Sui social abbondano le foto in costume e sempre più pazienti chiedono di ridefinire il proprio lato B in modo reale e non solo con il fotoritocco" conclude Bove.    



PierFrancesco Bove. 
Laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Napoli, si è specializzato in Chirurgia Cranio-Maxillo-Facciale con lode. 

Ha conseguito un master di II livello in Chirurgia Plastica Estetica all'Università degli Studi di Padova. Già docente all'Università degli Studi di Foggia e CTU al Tribunale di Nocera Inferiore, è membro di alcune delle più importanti Società europee ed internazionali nell'ambito della chirurgia estetica e chirurgia cranio maxillo facciale, (European Academy of Facial Plastic Surgery; American Academy of Cosmetic Surgery; è socio e consigliere della FIME (Federazione Italiana Medici Estetici) e fa parte dell'editorial board di alcune riviste scientifiche. 

È volontario in diverse associazioni mediche umanitarie, come SOS Volontari Italia, partecipando attivamente a diverse missioni umanitarie all'estero e ricoprendo il ruolo di team leader. 

Fondatore del surgery network ChirurgiadellaBellezza, gestisce diverse sedi operando su gran parte del territorio nazionale.  


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 1 agosto 2017

VIOLENZA E SOCIAL NETWORK: QUANDO LA RETE SI SCATENA (CONTRO LE DONNE) | OSSERVATORIO CENTRO STUDI ERICKSON


PRIMO CONVEGNO INTERNAZIONALE PER AFFRONTARE LA VIOLENZA SULLE DONNE

OSSERVATORIO CENTRO STUDI ERICKSON
VIOLENZA e social network:
QUANDO LA RETE SI SCATENA (CONTRO LE DONNE)


Palacongressi di Rimini |13 e 14 ottobre 2017


 
Il mondo dei social spesso si trasforma in uno strumento di discriminazione e minaccia verso le donne: oltre 1 miliardo i tweet sessisti riscontrati dalle Mappe dell'intolleranza. 
Milano e Roma le città dove si twitta di più l'odio.
Trento, 1 agosto 2017 - Il mondo del web (e dei social network in particolare), spesso associato a libertà di espressione e possibilità di conoscenza infinita, può diventare uno strumento di discriminazione, controllo e minaccia. Anche per questo, nel maggio del 2016, è stata istituita alla Camera dei deputati la Commissione sull'intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio, intitolata alla memoria della parlamentare inglese Jo Cox, uccisa prima di un comizio elettorale per le sue posizioni a favore della permanenza del Regno Unito nell'Unione europea.

La relazione finale redatta dalla Commissione Jo Cox si è concentrata anche sul tema della violenza di genere e ha messo in evidenza come questo tipo di violenza abbia una matrice culturale fortissima, che nasce innanzitutto dalla convinzione di "debolezza e inferiorità" femminile. "Le manifestazioni di odio nei confronti delle donne si esprimono nella forma del disprezzo, della degradazione e spersonalizzazione, per lo più con connotati sessuali", si legge nel documento conclusivo. 


Nell'era del web, la violenza corre anche in rete e le donne sono le principali vittime del "discorso d'odio" online, come dimostrato dal fenomeno degli haters scatenati in gruppi chiusi di Facebook, dove spesso si registrano insulti sessisti e volgari. Non solo: secondo il recente progetto delle Mappe dell'intolleranza curato da Vox - l'Osservatorio italiano sui diritti che attraverso Twitter è riuscito a geolocalizzare le zone dove razzismo, odio verso le donne, omofobia e discriminazione verso i diversamente abili sono maggiormente diffusi - uno dei social più attivi nel condividere l'odio verso le donne è Twitter, con oltre 1 miliardo di tweet sessisti rilevati (su un campione di oltre 2 miliardi complessivi). Secondo la ricerca sulla misoginia condotta da Vox, i tweet contro le donne sono i più numerosi. Si twitta l'odio in tutta Italia: Milano, insieme a Roma, sono le città più intolleranti (rispettivamente con 8.134 e 8.361 tweet contro le donne).

La diffusione dei social media sembra alimentare un bisogno di visibilità sociale: postare o condividere immagini e contenuti, anche personali e intimi, cercare consensi (like) e via dicendo. 

Questi comportamenti costituiscono esempi di un «esibizionismo mediatico» che spinge adulti e minori a atteggiamenti disinvolti, disinibiti, spesso incuranti degli effetti reali delle condotte online. Secondo un'indagine dell'Osservatorio Nazionale Adolescenza del 2016, su un campione di oltre 7.000 adolescenti italiani il 4% dichiara di aver inviato – attraverso Instagram o Facebook - foto e video di se stesso in atteggiamenti sessuali attraverso i canali social e il 10%, tra cui anche ragazzi non ancora adolescenti, ha scattato selfie intimi. In questo contesto, è facile immaginare che si possa cadere in trappole come grooming, sexting e revenge porn.

«Questi comportamenti aggressivi e denigratori on line, in particolare quando riguardano minori, rientrano in quel più ampio fenomeno di sfruttamento e abuso sessuale ai loro danni che il legislatore italiano, anche alla luce della normativa sovranazionale ed europea, ha definito come "nuove forme di schiavitù"», ha commentato Natalina Folla, ricercatrice e docente di Diritto penale dell'Università di Trieste e relatrice al Convegno Erickson "Affrontare la violenza sulle donne". 


«Il grooming, ad esempio, si verifica quando gli adulti per mezzo delle tecnologie di comunicazione e di informazione, propongono intenzionalmente ai minori, con condotte insidiose, ingannatorie o minacciose, volte a carpirne la fiducia, degli incontri con lo scopo di commettere atti sessuali o a carattere pornografico. La pratica del sexting, sempre più diffusa anche tra i minori e con risvolti giurisprudenziali contrastanti, consiste nell'invio di immagini connotate sessualmente con il mezzo del cellulare o via Internet. La pubblicazione di foto o video intimi e pedopornografici sul web, posta in essere generalmente dopo la fine di una relazione sentimentale o affettiva, a scopo di vendetta (revenge porn), vede colpite soprattutto ragazze per mano dei loro ex partner». Tutte queste azioni «ledono gravemente la dignità delle persone coinvolte e, quanto ai minori, ne compromettono lo "sviluppo fisico, psicologico, spirituale, morale e sociale"», ha concluso Folla. «Per tutelarli il legislatore ha previsto strumenti penali repressivi, all'interno del codice penale, potenziati anche da riforme recenti, che vanno a rafforzare le strategie di protezione di natura preventiva ed educativa».

L'obiettivo da raggiungere è quello di rendere la rete e i social network un luogo aggregativo e di confronto positivo. In questo scenario, il ruolo dell'informazione (giornali, telegiornali, programmi d'informazione tramite stampa, tv e web) continua a rimanere centrale nell'influenzare la percezione di un problema e nel creare o meno distorsioni nell'immaginario collettivo. È opportuno, ad esempio, evitare di riferirsi alle donne come "soggetti deboli" o vittime predestinate.

Tutte queste tematiche verranno discusse in occasione del Convegno Internazionale organizzato dal Centro Studi Erickson al Palacongressi di Rimini il prossimo 13 e 14 ottobre.

Gli appuntamenti dedicati al tema violenza e media durante il Convegno Erickson al Palacongressi di Rimini sono:

Venerdì 13 ottobre 2017 |Intervento in plenaria | Prima di tutto riconoscerla: la violenza di genere comincia dalle parole che usiamo |Relatrice: Monica Lanfranco

Venerdì 13 ottobre 2017 |Workshop | 14:00 – 16:00 - La violenza contro le donne nei media. Strumenti per una comunicazione non sessista | Relatrici: Monica Lanfranco e Nadia Somma

Sabato 14 ottobre 2017 |Workshop | 09:00 – 11:00 - Grooming, cyberstalking e revenge porn. Se i social media diventano una minaccia | Relatrici: Elisabetta Kolar e Natalina Folla




--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 29 luglio 2017

Il 31 luglio è la Giornata Mondiale dell'Orgasmo, gli italiani la festeggiano così.




 
 
["Alessandro Maola Comunicazione"]
 
 
Nell'ultimo mese le ricerche sul web aumentate del 300%.
 
 
Il 31 luglio è la Giornata Mondiale dell'Orgasmo (insieme al 21 dicembre) ed a quanto pare gli italiani intendono festeggiarla adeguatamente: una ricerca promossa da LoveLab, azienda italiana tra i leader per la produzione di cosmetici per la coppia, ha analizzato dati Google e delle discussioni sui social degli ultimi 6 mesi su alcuni prodotti "hot", scoprendo che, ad esempio, i "sex toys" nell'ultimo mese ha visto un aumento delle ricerche in Italia di oltre il 300%. 

Un picco che non si è mai registrato prima. 

E dati simili sono legati anche a prodotti come gli astringenti vaginali ed ai gel stimolanti per lui o per lei. Un boom tra l'altro che è prettamente italiano e che non si registra in altri paesi.
 
Tra le regioni che più hanno contribuito all'esplosione di interesse per i cosmetici per la coppia e per i sex toys il Friuli, la Liguria, le Marche, il Veneto e l'Emilia Romagna.
 
"Un trend di crescita per questo tipo di prodotti c'è da tempo, ma non era mai capitato che in 30 giorni si triplicassero la ricerche. Evidente che questa estate 2017 promette di essere davvero bollente e non solo per le temperature" - ha dichiarato Alessandro Bertino, Ceo di LoveLab.
 
Nello specifico, ecco alcuni dei prodotti più ricercati dagli utenti del web:
 
Gel Astringente Vaginale, come "Like a Virgin", permette di restringere temporaneamente la pareti vaginali con una formula Made in Italy a base di Allume di Potassio. Utilizzato certamente dalla donne che hanno avuto un parto, ma anche da moltissime che lo usano come gioco divertente.
 
Crema stimolante energizzante maschile, come "Oh, my God!", contiene il PowerMix Green: caffeina, capsicina, allantoina, gincko biolca, perfetto per superare le eventuali "difficoltà" derivanti dal caldo.
 
Gel Lubrificante Intimo per lei, come "Wow!", il primo lubrificante intimo contenente acido ialuronico e pantenolo, tutto green e pure al gusto Marshmallow.
 







--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 18 luglio 2017

Nuova Collezione di Accessori Black Diamond


ACCESSORI BLACK DIAMOND 
(In foto: anello porta asciugamano Black Diamond)
Devon&Devon presenta la collezione di accessori Black Diamond, coordinata all'omonima serie di rubinetteria.
Black Diamond si caratterizza per l'elevata qualità dei materiali, delle finiture e l'accurata manifattura. Tutti gli elementi sono realizzati in ottone tornito e fine ceramica nera, e si distinguono per eleganti terminali-gioiello in vetro nero diamantato. Black Diamond completa con raffinatezza l'arredo della sala da bagno.


Elementi della collezione: porta bicchiere in ceramica, porta sapone, anello porta asciugamano, appendiabito, porta rotolo, mensola in cristallo extra-chiaro, porta scopino e asta porta asciugamano.

Finiture disponibili: cromo, oro chiaro, bronzo o nickel lucido
(In foto: appendiabito Black Diamond)
In foto: porta sapone Black Diamond)



--
www.CorrieredelWeb.it

AGUNGA lancia la linea Namastè

Calma, pace e tranquillità… l'estate di Agunga è all'insegna della Linea Namastè, nata dalla collaborazione con due architetti fiorentini che decidono di realizzare un babyKimono da abbinare all'eclettico pannolino lavabile.


Un coordinato raffinato e versatile che unisce eleganza ed ecologia con lo stile della Green Group Industry, azienda olistica pratese che lo produce.


Il prezioso Kimono, disponibile su prenotazione, è realizzato in tessuto di cotone della stessa fantasia del pannolino lavabile Agunga. 


Una linea dai toni morbidi e caldi, prodotta interamente in Italia che mira a mettere in evidenza la qualità e il design delicato.


Con Agunga la moda deve essere armonia, gioco e buon umore.


--
www.CorrieredelWeb.it

Salva Bimbi: la soluzione di EasyNido

Il software gestionale per Asili Nido sta lavorando alla sua soluzione per aiutare i bimbi dimenticati in macchina.

Per fortuna non capita spesso ma quando capita è una vera tragedia, stiamo parlando di quei genitori che, per i motivi più svariati, si scordano di portare i figli al nido e li dimenticano in macchina andando in ufficio.
"Non siamo qui per giudicare o parlare delle motivazioni che portano a tali situazioni piuttosto il nostro ruolo è quello di aiutare le strutture e i genitori a prevenire queste situazioni" dice Andrea Salini Amministratore di iRoma azienda che ha prodotto EasyNido un software gestionale per Asili nido, Micro nidi e Scuole dell'Infanzia.
"Il nostro software già prevede la registrazione delle presenze dei bambini, entrate ed uscite su base giornaliera e in tempo reale" continua Salini "abbiamo pensato di integrarlo con un sistema di messaggistica SMS che avvisi il genitori qualora la presenza o l'eventuale assenza preventivamente comunicata di suo figlio/a non venga registrata entro una data ora."
Il coinvolgimento quindi delle strutture nel processo di prevenzione può essere determinante al fine di evitare altre morti accidentali di piccoli innocenti. Gli asili nido potranno essere messi in condizioni di diventare parte attiva nel processo di supporto ai genitori.
"Ovviamente speriamo che questo che questo genere di disgrazie non accada più e che questo sistema non serva affatto, ma se il nostro lavoro aiuterà a prevenire anche uno solo di questi eventi così drammatici sarà fantastico."
"EasyNido non è solo un gestionale per le strutture, EasyNido è un modo di comunicare con i genitori, è un software pensato per tutelare i minori, questa nuova funzione non fa altro che rafforzare il concetto di base di EasyNido: un aiuto per strutture e genitori." Conclude Salini
La nuova funzione verrà rilasciata prima dell'inizio del nuovo anno scolastico.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI