Cerca in Tutto Donna

venerdì 7 aprile 2017

Nathalie Emmanuel in The Fate of the Furious sfoggia la sua forma smagliante grazie a Speedo MAKE 1K WET

SPEEDO E NATHALIE EMMANUEL: IN FORMISSIMA SUL GRANDE SCHERMO GRAZIE A MAKE 1K WET

In collaborazione con l'attrice Nathalie Emmanuel, nota per la sua parte in Game of Thrones e che rivedremo in Fast and the Furious 8, Speedo lancia l'iniziativa MAKE 1K WET studiata per ispirare i runner e tutti coloro che amano la corsa a piedi, a integrare la loro routine con programmi di allenamento in piscina. 


The Fate of the Furious, l'ottavo episodio della saga di The Fast and the Furious, uscirà nelle sale il 14 aprile 2017.

L'iniziativa MAKE 1K WET con Nathalie Emmanuel raccontata in un video: www.youtube.com/watch?v=jXDBGn1LTDE



Image
Un progetto nuovo, quello lanciato da Speedo, che coinvolge l'attrice e modella di fama internazionale Nathalie Emmanuel. L'attrice inglese è protagonista della campagna MAKE 1K WET che, grazie ai piani di allenamento e ai consigli dell'ex triatleta Annie Emmerson e del nuotatore olimpico Florent Manaudou, dimostra come sia possibile migliorare le prestazioni nella corsa e la propria forma fisica attraverso il nuoto.

«L'acqua e la piscina non sono mai stati i miei ambienti naturali, ma seguendo il piano di allenamenti Speedo MAKE 1KWET, ho riacquisito fiducia e ho visto forti miglioramenti della mia forma fisica – racconta Nathalie – Grazie ai consigli di Annie e Florent infatti ho integrato il nuoto nella mia fitness routine e sto constatando i numerosi benefici che questa disciplina apporta anche alle prestazioni nella corsa: ora posso correre più veloce e per maggior tempo e ho molta più energia per la vita di tutti i giorni».

La giovane e bellissima attrice inglese, conosciuta a livello globale per il ruolo di Missandei nella serie Game of Thrones, ama tenersi in forma con la corsa e lo yoga e si è recentemente riavvicinata al nuoto grazie a un ruolo cinematografico che ha interpretato e per il quale ha dovuto imparare a tuffarsi. È in questa occasione che, da grande appassionata di fitness, Nathalie è entrata in contatto con il progetto Speedo e i programmi MAKE 1K WET.
 
Image
Grazie ai consigli esperti di Annie Emmerson e Florent Manaudou, l'attrice integra il nuoto nel suo training plan e si allena con costanza in piscina per sfidare se stessa e raggiungere i suoi obiettivi di fitness e benessere.

Nathalie sfoggerà la sua forma smagliante nel film The Fate of the Furious, l'ottavo episodio della saga di The Fast and the Furious, che uscirà nelle sale il 14 aprile 2017.



About Speedo
SPEEDO, la sua storia, la storia del costume da bagno, la storia del nuoto. Nel 1914 il giovane scozzese Alexander MacRae, emigrato in Australia nel 1910, apre una fabbrica di abbigliamento intimo dal nome Manifatture MacRae Hosiery. Ben presto l'azienda cresce anche grazie alla produzione di costumi da bagno, e il nome cambia in MacRae Knitting Mills. Negli anni 20 il mercato del costume da bagno cresce rapidamente, grazie al riconoscimento del nuoto come disciplina sportiva, ed è in questi anni che MacRae presenta il costume Racerback, che permette maggiore libertà di movimento e consente a chi lo indossa di nuotare più velocemente. Tutto ciò ispira un membro dello staff, il capitano Parsons, che conia lo slogan "Speed on in your Speedos" e nel 1928 vengono prodotti i primi costumi a marchio Speedo. Dopo la fine della Seconda Guerra mondiale si gettano le basi per l'espansione internazionale: la Speedo Knitting Mills (Holdings) Ltd nel 1951 diventa una società quotata alla borsa di Sydney. La crescita globale di Speedo continua per tutti gli anni '60 e nel vecchio continente nasce Speedo Europe, con sede a Londra. Le Olimpiadi in Messico, nel 1968, registrano il dominio del brand: 27 delle 29 medaglie d'oro sono vinte da atleti vestiti Speedo. Negli anni 70 Speedo inizia a produrre costumi in Nylon Elastane, ancora oggi un tessuto tra i più utilizzati. Prima che il secondo millennio finisca, Speedo lancia tre tessuti innovativi: il S2000, il primo tessuto al mondo ad ottimizzare l'idrodinamicità in vasca, l'endurance, che al contrario del Nylon non si degrada a contatto con il cloro della piscina e l'Aquablade, un tessuto utilizzato per i costumi da competizione. Speedo inizia il nuovo secolo con i fuochi d'artificio, lanciando un costume rivoluzionario: il Fastskin. La caratteristica vincente del design, ispirato alla pelle dello squalo, viene accolta con entusiasmo da nuotatori come Michael Phelps che in tre edizioni dei Giochi Olimpici (Atene 2004, Pechino 2008 e Londra 2012) conquista 22 medaglie di cui 18 d'oro. Attualmente Speedo è di proprietà di Pentland Group Plc, e opera dal quartiere generale di Nottingham, Inghilterra. Attualmente, il marchio SPEEDO® è registrato in 112 nazioni, di cui 7 distribuite da Oberalp SpA, con sede a Bolzano.
--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI